Intolleranza alimentare, problematica da non sottovalutare

0

farmacia jacobellis - gioia oggi

Soffri di pancia gonfia, stipsi, diarrea, dermatite, pruriti, herpes recidivante, bronchiti e sinusiti
ricorrenti, mal di testa, stanchezza cronica, cistiti e vaginiti frequenti? Hai mai pensato che potresti soffrire di intolleranze alimentari? L’intolleranza alimentare è una reazione avversa a sostanze alimentari, riconosciute come estranee dall’organismo. Ma dove si sviluppano le intolleranze alimentari? Tutto ha origine dalla mucosa intestinale, luogo di contatto tra il “mondo esterno”, costituito dalle sostanze che ingeriamo, ed il “mondo interno”. Errato stile di vita, alimentazione sbilanciata, caratterizzata da un alto consumo di latte e latticini, carne, zuccheri e carboidrati raffinati, l’ abuso di farmaci, additivi chimici, metalli pesanti, pesticidi presenti nei cibi che ingeriamo, alterano nel tempo l’integrità della mucosa intestinale e favoriscono la proliferazione di specie patogene, che risultano lesive per la barriera intestinale. I primi sintomi di intolleranza alimentare, se ignorati peggioreranno e nel tempo il protrarsi di uno stato di intossicazione, di una sovra-stimolazione immunitaria e infiammazione cronica. Quali sono, quindi, i passi da compiere per risolvere definitivamente le intolleranze alimentari?
Il primo, indispensabile, è ripristinare l’integrità della mucosa intestinale. Infine, è necessario detossificare l’organismo e seguire un corretto stile di vita alimentare. Queste azioni si realizzano associando principi naturali specifici. Primo: ripristinare l’integrità della mucosa intestinale: l’ ESTRATTO DI SEMI DI POMPELMO (GSE), l’ AGAR AGAR e la CENTELLA.
Secondo: ottimizzare il terreno intestinale e migliorare il metabolismo: la CURCUMA, dalle proprietà antimicrobiche e digestive. Terzo: favorire la detossificazione dell’organismo e quindi stimolare l’azione degli organi emuntori, quali fegato e rene: il CARDO MARIANO, la CURCUMA e la SOLIDAGINE. Quarto: evitare alimenti come latte, carne , carboidrati raffinati e zuccheri e assumere alimenti benefici per l’intestino (frutta, ortaggi di stagione, proteine vegetali, cereali integrali, semi oleaginosi). In commercio in ambito salutistico è disponibile un kit, il “ GSE Intolerance Plus kit” costituito da tre integratori alimentari, da assumere rispettivamente al mattino, a mezzogiorno e alla sera, prima di ogni pasto, che racchiudono gli estratti vegetali appena descritti.

Dott. Mariella Angiola

Clicca e condividi