IL 36° STORMO CACCIA E L’84° CENTRO CSAR IN VISITA PRESSO I REPARTI DI PEDIATRIA E ONCOEMATOLOGIA P

0

IL 36° STORMO CACCIA E L’84° CENTRO CSAR IN VISITA PRESSO I REPARTI DI PEDIATRIA E ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA DELL’ OSPEDALE SANTISSIMA ANNUNZIATA DI TARANTO

Martedì 11 febbraio 2020, in occasione della “Giornata mondiale del malato”, una delegazione del 36° Stormo Caccia e dell’84° Centro CSAR di Gioia del Colle, guidata dal Colonnello Emanuele Spigolon, Comandante del 36° Stormo, è stata accolta presso i reparti di pediatria e oncoematologia pediatrica “Nadia Toffa” dell’Ospedale Santissima Annunziata di Taranto. L’iniziativa è stata un momento di solidarietà e di ringraziamento al personale sanitario che quotidianamente si occupa della cura dei piccoli pazienti. Il personale in visita ha così avuto l’opportunità di conoscere la struttura sanitaria e parte del suo personale, ma soprattutto mostrare affetto e vicinanza ai piccoli degenti, donando loro giocattoli e gadgets di vario tipo. In collaborazione con l’associazione ONLUS “Le mani tese”, sono stati donati altresì un personal computer e una sedia a rotelle pediatrica. Durante l’incontro con i responsabili del reparto, il Colonnello Spigolon ha voluto rimarcare il carattere solidale di tale iniziativa, segno tangibile di vicinanza da parte di donne e uomini in divisa che hanno voluto regalare un sorriso a chi combatte una delle sfide più dure della vita.

Il 36° Stormo Caccia, che dipende dal Comando Squadra Aerea per il tramite del Comando Forze da Combattimento, è uno degli Stormi della Difesa Aerea dell’Aeronautica Militare. Il Reparto vanta una complessa organizzazione di personale e mezzi che assicura la sorveglianza dello spazio aereo nazionale e NATO 24 ore su 24, 365 giorni all’anno.

Parallelamente l’84° Centro CSAR, che dipende dal 15° Stormo dell’Aeronautica Militare, fornisce giornalmente il servizio di Ricerca e Soccorso, mansione utile e spesso indispensabile che viene svolta su tutto il territorio ed acque nazionali, nonché nel bacino del Mediterraneo nell’ambito degli Accordi Internazionali siglati, con i Paesi limitrofi, 24 ore su 24, 365 giorni l’anno.

Clicca e condividi